Il Vino Naturale

Come Madre Natura l’ha fatto
Fin dai tempi dei Fenici o giù di lì, gli uomini avevano scoperto che bastava raccogliere l’uva in un grande contenitore, schiacciarla con il proprio peso, lasciarla fermentare a dovere per estrarne un succo inebriante che dava loro grande piacere: il Vino crudo.
Oggi il nostro intento di produttori con cuore e coscienza, è un ritorno alle origini. Ma come controllare, come perfezionare questo processo semplice e antico per ottenere un vino ancora migliore ma tutto Naturale? Questa è stata la nostra ricerca e la nostra sfida.

Il Vino Ordinario
Per molti consumatori, probabilmente per i più, il vino si compra sugli scaffali del supermercato, l’occhio soprattutto al prezzo, senza verificare, interessarsi o capire, cosa c’è dietro quelle produzioni di massa, garantite da manipolazioni chimiche, da specifiche procedure industriali che però assicurano standard prevedibili e ripetibili.
La maggior parte dei vini prodotti e commercializzati in Europa, poi, è classificata secondo il territorio d’origine, mentre quelli provenienti dalla maggior parte dei paesi extra Europei, lo sono dal vitigno. Fattori, entrambi, importanti, per il gusto e la qualità del vino, ma non i soli a essere determinanti. Le caratterizzanti differenze di luogo (terroir) e le varietà del vitigno possono essere danneggiate, annullano persino, da una viticultura tradizionale, da tecniche enologiche invasive, che però favoriscono prevedibili volumi produttivi. Risultato? Vini convenzionali, banali, indipendentemente dal dove e dal cosa, determinati invece dal come.

Il Vino Naturale
Il Vino Naturale è un vino particolare. Perché fatto con metodi di lavorazione volutamente semplificati, con il minor numero di manipolazioni, interventi e additivi durante tutte le diverse fasi della produzione; a partire dal terreno, lavorato secondo criteri etici e ambientali, per continuare con la cura del vigneto, facendo attenzione a ridurre l’utilizzo di rame e zolfo, e infine in cantina, attraverso ricercate tecniche di vinificazione e maturazione.
Naturale definisce quindi una particolare cura nel processo di lavorazione, applicabile sia ad un grand cru di Borgogna o un normale vino da tavola; potrebbe essere un Sangiovese in purezza o una miscela di dieci diversi vitigni; potrebbe costare 5 o 5.000 euro. Ci sono vini naturali in tutte queste categorie.
Ciò che tutti hanno in comune è la purezza e l’onestà di espressione. I Vini Naturali mantengono il sapore delle uve da cui sono fatti e del luogo dove sono cresciute.